Ricerca - Progetti in Corso

A continuazione sono elencati i progetti attualmente in corso nell'ambito del protocollo di ricerca del Centro Takiwasi.

1.
Valutazione dell'efficacia della medicina tradizionale amazzonica e della psicoterapia nel trattamento delle dipendenze (Progetto ATOP)

Ricercatore / Responsabile: Brian Rush, Fernando Mendive, Sara García

Istituzioni Collaboratrici: Centro per le dipendenze e la salute mentale (CAMH) - Canada, Associazione multidisciplinare per la conservazione delle tradizioni indigene Nierika - Messico.

Questa ricerca mira a valutare sistematicamente gli effetti terapeutici e l'efficacia del trattamento della tossicodipendenza sviluppato e applicato da oltre 20 anni dal Centro Takiwasi, nella regione di San Martín, in Perù, che si basa sulla complementazione della medicina tradizionale amazzonica con la psicoterapia moderna. Questo è uno studio di coorte prospettico osservazionale e longitudinale che include metodi misti. Sarà incluso un campione di 30 pazienti residenti a Takiwasi. I partecipanti completeranno i questionari quantitative e condurranno colloqui qualitativi all'ingresso e all'uscita del trattamento, e a 3, 6, 9 e 12 mesi dopo la dimissione. Gli strumenti misurano la gravità della dipendenza, la quantità e la frequenza del consumo, la motivazione per il trattamento, la salute mentale, la qualità della vita, la spiritualità e la soddisfazione del servizio. Le interviste esploreranno in profondità le esperienze soggettive dei pazienti riguardo il trattamento ed i possibili meccanismi esplicativi relativi all'efficacia del trattamento. Inoltre, questa ricerca includerà un'etnografia del contesto terapeutico di Takiwasi decrivendo sia il luogo fisico che le idee culturali sul problema e sui processi di guarigione presenti tra il personale di Takiwasi. Questa ricerca fa parte di un progetto di ricerca internazionale chiamato ATOP a cui collaborano diversi paesi americani (Brasile, Canada, Perù, Messico e Argentina). I risultati di questa ricerca saranno condivisi con quelli condotti in altri paesi al fine di valutare congiuntamente l'efficacia dell'uso della medicina tradizionale amazzonica per il trattamento delle dipendenze a livello interculturale. Per la presentazione completa vedi: Ayahuasca Treatment Outcome Project


2.
Transdisciplinarietà interculturale in Guatemala e Perù: una piattaforma di apprendimento nord-sud-sud per servizi di sanità pubblica culturalmente rilevanti per le popolazioni indigene

Ricercatore / Responsabile: Caroline Maake (Principal Investigator, Switzerland), Tatiana Paz Lemus (Guatemala), Juan Rubén Ruiz Zevallos (Peru)

Istituzioni Collaboratrici: L’Università di Zurigo (Facoltà di Medicina) dirige il progetto in collaborazione con i consigli locali del Perù e del Guatemala composti da istituzioni accademiche, associazioni indigene, esperti di medicine tradizionali e parti interessate dei settori della sanità pubblica dei diversi paesi.

Nonostante gli sforzi fatti in passato, l'assistenza medica per le popolazioni indigene in America Latina rimane precaria. Ciò si evince, tra l'altro, dalla loro maggiore probabilità di ammalarsi e da un tasso di mortalità più elevato rispetto al resto della popolazione. Le cause sottostanti sono complesse. Tuttavia, la mancanza di cooperazione tra sistemi medici divergenti praticati in parallelo, vale a dire la biomedicina occidentale e la medicina tradizionale indigena, può essere considerata un grave ostacolo al miglioramento dell'assistenza medica in questi paesi. Nel nostro progetto, incentrato su Perù e Guatemala, creeremo le condizioni per una piattaforma di apprendimento interculturale e globale che tenga conto dei concetti di medicina tradizionale indigena e biomedicina convenzionale. Come prerequisito per questo, l'obiettivo iniziale del progetto sarà quello di esaminare e documentare accuratamente i fondamenti della medicina indigena in termini di salute, malattia e terapia da un punto di vista medico e socio-scientifico. Il passo successivo includerà gli approcci incentrati sul paziente, in cui il personale medico occidentale e i medici tradizionali stabiliranno collaborazioni mediche congiunte. Saranno organizzati seminari di accompagnamento per le parti interessate come spazio per lo scambio di esperienze, la comunicazione transdisciplinare e lo sviluppo di futuri concetti medici efficienti e inclusivi. In linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, si spero che questo progetto rafforzi in modo sostenibile le tradizioni locali, riduca le disuguaglianze sociali, rafforzi il diritto alla salute e all'istruzione e, di conseguenza, promuova la creazione di società pacifiche e inclusive. Questo progetto è finanziato dal Programma svizzero di ricerca sulle questioni globali per lo sviluppo (programma r4d). Ulteriori informazioni


3.
Global Ayahuasca Project

Ricercatore / Responsabile: Daniel Perkins

Istituzioni Collaboratrici: Università di Melbourne.

Global Ayahuasca Project è un progetto di ricerca multidisciplinare promosso dall'Università di Melbourne, realizzato in collaborazione con un team internazionale di ricercatori provenienti da Australia, Brasile, Spagna, Repubblica Ceca e Svizzera. Il progetto mira ad aumentare la comprensione sull'uso dell'ayahuasca in diversi contesti in tutto il mondo ed esplorare le motivazioni e i contesti di questo uso, gli effetti sulla salute e sul benessere e qualsiasi potenziale rischio. Lo studio sarà osservativo e utilizzerà un approccio a metodi misti che combina l'uso di metodologie qualitative e quantitative. La triangolazione sarà utilizzata per ispirare le prospettive qualitative dei partecipanti e di coloro che gestiscono i centri/gruppi che usano ayahuasca, nonché i dati quantitativi raccolti per fornire un'immagine più olistica e solida (Vidovich 2003). Il sondaggio è composto da tre componenti, oltre a metodi antropologici e sociologici qualitativi che includono lavoro sul campo etnografico, osservazione dei partecipanti e interviste semi-strutturate. Per ulteriori informazioni: Global Ayahuasca Project


4.
Musica e sciamanesimo ayahuasquero: la politica dell’indigenità e il turismo culturale nella valle del Huallaga in Perù

Ricercatore / Responsabile: Owain J. Graham

Istituzioni Collaboratrici: Dottorando in etnomusicologia, Università della California Riverside, Stati Uniti.

Il turismo è un pilastro dell'economia peruviana e la sua importanza dovrebbe continuare a crescere. Pertanto, è sempre più importante studiare e comprendere gli incontri interculturali che il turismo genera e gli effetti di questi incontri a livello locale e internazionale. A tal fine, l'attuale progetto si concentra sul turismo sciamanico intorno alla città di Tarapoto, in Perù e alla vicina città di Lamas, all'estremità settentrionale della valle di Huallaga. Questo studio cerca di capire come funziona il turismo sciamanico (come un processo circolare o meno) nel caso della valle del Huallaga. Pertanto, lo scopo di questo studio è (1) investigare le motivazioni di turisti e albergatori che partecipano a rituali e cerimonie sciamaniche, (2) investigare le caratteristiche specifiche dei cambiamenti nella struttura musicale e rituale e la logica alla base di questi cambiamenti, (3) indagare i processi del turismo sciamanico sia localmente, nell'area intorno a Tarapoto, sia nella vita dei turisti quando ritornano a casa. Le domande principali che guidano questi obiettivi di ricerca sono le seguenti: dato che questi rituali vengono esportati attraverso il turismo, quali fattori attivi nella comunità locale e incontri all'interno degli spazi rituali determinano la versione, o le versioni, esportate delle pratiche sciamaniche ? Quali sono le preoccupazioni politiche, culturali ed economiche che influenzano queste determinazioni in ogni fase del processo turistico? I dati raccolti in questo studio possono suggerire un processo circolare in corso nell'ambito del turismo sciamanico, in che modo la fase del tour influisca e si sovrapponga alle fasi post-tour e pre-tour, modellando la pratica del turismo mentre il processo avanza? In che modo il turismo modella i discorsi e le comprensioni internazionali sullo sciamanesimo e l'indigenità sudamericana? In che modo il turismo sciamanico figura negli attuali processi di "reindigenizzazione" mentre la regione del Huallaga si sta riprendendo non solo da una storia di colonizzazione, ma anche da una più recente storia di violenza politica che ha portato a nascondere le espressioni di indigenità? Concentrandosi sul ruolo della musica e dei rituali nel processo di produzione culturale nella zona di confine del turismo sciamanico, questa ricerca cerca di migliorare una serie di lacune nella letteratura esistente sullo sciamanesimo e sul turismo ayahuasquero nel momento contemporaneo. Questo progetto si basa su un'osservazione etnografica partecipativa. È principalmente uno studio qualitativo, anche se raccoglierà informazioni demografiche sui partecipanti per capire meglio chi è coinvolto nel turismo sciamanico e perché.


5.
Descrizione della dieta nel Centro Takiwasi dal punto di vista dei partecipanti

Ricercatore / Responsabile: Tereza Rumlerová

Istituzioni Collaboratrici: Dottoranda, Dipartimento di Psicologia, Palacky University, Olomouc, Repubblica Ceca.

La strada verso la conoscenza di sé, delle proprie esperienze, sogni e missione di vita, è qualcosa che molti cercano oggigiorno. Alcuni intraprendono un viaggio verso la conoscenza di sé andando in diversi centri che offrono yoga, meditazione e molto altro. Altre forme di conoscenza di sé possono essere i metodi che inducono stati di coscienza alterati. L'ayahuasca è una bevanda allucinogena della medicina tradizionale amazzonica che viene spesso utilizzata nella Repubblica Ceca. Alcuni viaggiano in Amazzonia per sperimentarla. Ma se vogliamo conoscere la medicina tradizionale amazzonica, scopriamo che la maggior parte dei guaritori percepisce la dieta come la chiave per trattare molti problemi di salute fisica e mentale. La dieta è una pratica che non ha ancora avuto molto spazio nel campo scientifico e include l'assunzione di piante maestro che svolgono un ruolo chiave nel processo e vengono ingerite in isolamento in un piccolo tambo, dove i partecipanti trascorrono sette giorni con una dieta molto rigorosada seguire. Questa ricerca fornirà una descrizione completa di questo metodo, concentrandosi sugli effetti percepiti nel processo, sulle esperienze durante la dieta e sulla sua percezione a lungo termine. L'acquisizione dei dati sarà effettuata attraverso interviste semi-strutturate, analisi di documenti scritti (lettere motivazionali e protocolli) e osservazioni proprie.


6.
Valutazione dell'efficacia della medicina tradizionale amazzonica, dell'ayahuasca e della psicoterapia nel diminuire depressione e ansia nei pazienti che seguono un trattamento residenziale per la tossicodipendenza presso il Centro Takiwasi in Perù

Ricercatore / Responsabile: Cecile Giovannetti

Istituzioni Collaboratrici: Istituto di medicina tropicale e salute internazionale della facoltà di medicina dell'Università Charité di Berlino, Germania.

L'obiettivo principale del progetto è generare prove preliminari sull'impatto della medicina tradizionale amazzonica, della psicoterapia e della convivenza sull'intensità della depressione e dell'ansia nei pazienti che seguono un programma terapeutico per l’abuso di sostanze. Lo studio proposto presenta un disegno osservazionale e longitudinale con una semplice valutazione prima e dopo la fine del programma terapeutico: un semplice disegno pre/post. I dati di follow-up e la valutazione completa della gravità della dipendenza, il profilo approfondito del paziente e le percezioni del paziente sul programma terapeutico saranno adeguatamente analizzati al completamento del progetto ATOP e questo studio si limiterà a valutare l'impatto del trattamento sul cambiamento di un piccolo numero di variabili prima e dopo il trattamento. Lo studio proposto non intende in alcun modo rappresentare il vasto lavoro svolto con ATOP, ma intende aprire la strada alla pubblicazione dei risultati di questo progetto di ricerca senza precedenti, presentando una parte limitata dei primi risultati, sviluppando un approccio metodologico precoce e informando la comunità scientifica della futura pubblicazione di questo lavoro di importanza clinica senza precedenti.


7.
Curare la dipendenza con la medicina amazzonica: protocollo di valutazione del processo di 6 punti chiave di questa terapia

Ricercatore / Responsabile: Anne Denys

Istituzioni Collaboratrici: Associazione francese di etnofarmacologia, Scuola di sanità pubblica dell'Università di Nancy, Laboratorio di ricerca APEMAC di Metz.

In Sud America sono state sviluppate terapie che incorporano tecniche di medicina tradizionale per il trattamento delle dipendenze. La letteratura suggerisce che sei dei punti chiave di una di queste terapie sono: l'esperienza della morte iniziatica, l'evacuazione di una carica emotiva, la scoperta della vocazione, il riconoscimento della propria responsabilità, della sacralità della vita o della natura e che solo l'uso rituale di sostanze psicoattive naturali può essere utile. L'obiettivo è dimostrare la validità di questi 6 punti chiave e dimostrare, per ciascun punto chiave, che i pazienti che raggiungono il punto chiave, nel follow-up mostreranno risultati migliori rispetto agli altri pazienti un anno dopo aver terminato il trattamento.


8.
Il Cristo Awajún - Rapporto tra spiritualità indigena e religione cattolica

Ricercatore / Responsabile: Alberto Dubbini

Istituzioni Collaboratrici: Ricercatore indipendente.

Il lavoro consiste in una revisione bibliografica del tema della tradizione spirituale indigena Awajún in relazione alla religione cristiano-cattolica. Un lavoro sul campo a Santa María de Nieva fa parte della ricerca con l'intento di condurre interviste semi-strutturate in particolare con Santiago Manuín, leader Awajún e padre Carlos Diharce, missionario gesuita nella regione. Le interviste verranno registrate per poter effettuare un'analisi con l'intenzione di pubblicare i risultati sotto forma di articoli scientifici e/o informativi.


9.
Perfumeros

Ricercatore / Responsabile: Antoine Renard

Istituzioni Collaboratrici: Ricercatore indipendente con il supporto del Centro Nazionale di Arti Plastiche - CNAP, Francia.

Dopo aver partecipato a un seminario di due settimane offerto dal Centro Takiwasi durante il quale ha potuto sperimentare la metodologia di lavoro e i trattamenti con le piante offerti dal centro, il ricercatore e artista è rimasto colpito dall'importanza del ruolo dei profumi e degli odori nelle tecniche di guarigione. I terapeuti, qui chiamati Curanderos (guaritori), sono divisi in diverse categorie e nomi in base al tipo di prodotti che usano e al loro livello di esperienza. I cosiddetti Perfumeros sono guaritori specializzati nella produzione e nell'uso di profumi a fini terapeutici. L'obiettivo di questo progetto di ricerca è viaggiare nella regione amazzonica per osservare da vicino il lavoro dei Perfumeros all'interno del Centro Takiwasi e nelle comunità circostanti. I Perfumeros della regione di San Martín sono guaritori tradizionali che usano piante e profumi come strumenti di guarigione nel trattamento di gravi disturbi del comportamento e della personalità, come la tossicodipendenza e altri traumi psicologici. Le piante, attraverso il profumo, costituiscono uno strumento per viaggiare ed esplorare la memoria profonda del corpo al fine di individuare ed estrarre i nodi emotivi, che sono spesso espressione di traumi legati a situazioni oppressive e ingiustizie, siano esse di origine familiare, sociale o culturale. Nel corso della ricerca verranno raccolti materiali visivi, sonori ed olfattivi mentre verranno osservate le implicazioni di questi rituali nell'organizzazione della vita degli abitanti della regione e nello sviluppo individuale dei pazienti del centro.


Formulario de contacto

×